Volkswagen ricicla le batterie per raggiungere le emissioni zero


Alex Tosi Alex Tosi per Multinews
Pubblicato da Eleonora Candini il 13-Feb-2021

Volkswagen inaugura in Bassa Sassonia un impianto per il recupero delle batterie. Nella fase pilota si prevede di gestire 3.600 sistemi di batterie all'anno pari a 1.500 tonnellate.

riciclo batterie volkswagen

L'impianto inaugurato a Salzgitter da Volkswagen Group Components nasce per rendere possibile recuperare industrialmente i materiali più inquinanti che lo compongono. L'idea del gruppo tedesco è raggiungere il livello zero di emissioni per le auto elettriche e per farlo non basta la massima riduzione dell'impatto ambientale in fase di produzione dell'accumulatore, la ricarica con energia derivata da fonti rinnovabili e il successivo riutilizzo in altri ambiti.

L'impianto costruito raggiungerà, nel lungo termine, un tasso di riciclo delle materie prime come litio, nichel, manganese e cobalto oltre ad alluminio, rame e plastica superiore al 90%. Visto il momento, in cui i volumi di accumulatori per auto esauriti sono minimi, l'obiettivo è arrivare a 3.600 batterie all'anno corrispondenti circa a 1.500 tonnellate.

Nello stesso centro, Volkswagen aveva già investito 100 milioni di euro per lo sviluppo di celle batteria e investirà altri 900 milioni in joint venture con il produttore svedese Northvolt per iniziare a produrre accumulatori nei prossimi tre anni.

Per il riciclo, all'interno di questo stabilimento, non verrà sfruttata la fusione in altoforno. I sistemi di batteria arriveranno alla lavorazione già completamente smantellati, i componenti vengono ridotti in granulato in un trituratore e poi asciugato.
Dai componenti posso essere recuperati alluminio, rame e plastica, mentre le materie prime più inquinanti, litio, nichel, manganese, cobalto e grafite vengono ridotti in polvere.
Successivamente le singole sostanze vengono separate e lavorate singolarmente tramite processi idrometallurgici effettuati esternamente.

Dalle ricerche del marchio tedesco le batterie create con materiale riciclato sono efficienti tanto quanto le nuove, pertanto l'azienda supporterà la produzione con il materiale recuperato. I dati, inoltre, dicono che la domanda di accumulatori e delle relative materie prime incrementerà in un futuro non molto lontano e che il risparmio per una batteria da 62Wh prodotta utilizzando catodi ottenuti con materiali riciclati e usando energia da fonti rinnovabili è pari a circa 1,3 tonnellate di CO2.

I dati delle vendite di ID.3 inoltre confermano il trend positivo dell'elettrico e incoraggiano i nuovi investimenti in questa direzione.

Richiesta informazioni
* campi obbligatori
* Acconsento al trattamento dei dati a norma del Regolamento UE 2016/679. Leggi informativa

Articoli correlati

NEWSLETTER
* Acconsento al trattamento dei dati a norma del Regolamento UE 2016/679. Leggi informativa