eurotarget.com

Nuova Hyundai Bayon: dettagli e caratteristiche dalla prova su strada


Mario de Riggi Mario de Riggi per eurotarget
Pubblicato da Eleonora Candini il 20-Ott-2021

La famiglia Hyundai si arricchisce del nuovo Urban SUV Bayon.

Dalle dimensioni simili a quelle di Kona, Hyundai Bayon nasce però sulla base dell'utilitaria i20 con la quale condivide la plancia e le porte anteriori.

La gamma dei motori disponibili non è molto ampia: si può scegliere un 1.2 a quattro cilindri e 84 CV oppure un 1.0 turbo da 100 CV abbinato a un motore elettrico da 17 CV. In entrambi i casi il cambio è manuale 6 marce o 5 per il motore 1.2, solo per la 1.0 T-GDI si può scegliere anche il cambio a doppia frizione a 7 rapporti.

Quella che abbiamo provato è la 1.0 T-GDI Hybrid 48V iMT XLine con dotata di cambio manuale.

Design

Disegnato appositamente per l'Europa riprendendo lo stile Sensuous Sportiness, Hyundai Bayon ha un look deciso e accattivante, caratterizzato da stile e tecnologia tra le più avanzate.

Il frontale è originale, i fari LED a forma di freccia sono inclinati verso l'ampia griglia che racchiude le prese d'aria, mentre le luci di posizione sono sottili e sfilate verso il centro.

Guardandolo lateralmente, le linee del nuovo Hyundai Bayon ne marcano la dinamicità e il carattere. Da questa visuale spiccano il montante a C e il rivestimento del passaruota in perfetta armonia con il resto della vettura.

Infine, al posteriore, i gruppi ottici a LED, anche questi a forma di freccia e posizionati agli estremi laterali, si sporgono verso l'interno e sono collegati da una sottile linea rossa che riempie l'intera larghezza.

I cerchi, in lega, sono disponibili da 16" o 17".

In quanto a combinazioni cromatiche, Hyundai Bayon si può personalizzare scegliendo nove colori abbinabili al tetto bicolore e gli specchietti abbinati.

Interni

L'interno è confortevole, lo spazio nell'abitacolo è ampio, soprattutto sopra la testa e per le gambe. L'ambiente è luminoso, moderno e funzionale, con una luce LED soffusa e raffinata che colora di blu.

I sedili sono in tessuto di alta qualità e soffici al tatto; le sedute rialzate migliorano la visibilità e, specialmente lato guida è possibile regolarne anche l'altezza.

La parte interessante dell'abitacolo è la tecnologia di bordo. Al centro della plancia è situato uno schermo da 8" per gestire il sistema multimediale che, scegliendo il pacchetto Safety & Tech è di 10,25", ma in entrambi i casi si tratta di un display touchscreen. Compresi nel sistema multimediale anche il navigatore e le funzioni di connettività Bluelink che fornisce aggiornamenti in tempo reale su mete e traffico. A disposizione del guidatore anche AndroidAuto ed Apple CarPlay oltre ad una piastra per la ricarica wireless posta alla base della consolle. Le informazioni di guida sono raccolte, invece nel digital cluster da 10,25" dietro al volante, personalizzabile nelle opzioni di visualizzazione; per la motorizzazione Hybrid da qui è possibile vedere anche il flusso di energia. Tre le modalità di guida disponibili: Normal, Eco e Sport che variano per risposta del motore, prestazioni e cambiata; in base alla modalità scelta il digital cluster cambia colore (blu, verde o rosso).

Si sente l'assenza di tecnologia per il climatizzatore in cui non è possibile la regolazione separata per direzione e portata del flusso e non si può chiudere le bocchette, se non direzionando a lato l'uscita dell'aria.

In quanto a bagagliaio è forse superiore ad altre del segmento, con una capacità di carico da 411 libri, con il divano in posizione, ma che nella versione hybrid scende a 321 a causa della batteria al litio che rende inutilizzabile il doppio fondo. Lo spazio è comunque ben sfruttabile grazie alle forme regolari, la bocca di carico squadrata e il fondo regolabile; la soglia di carico è nella media del segmento, a 75 cm da terra.

I dati su strada

La nuova Hyundai Bayon è adatta a tutti i viaggi. In città i consumi non sono eccessivi e le dimensioni compatte con il supporto degli aiuti alla guida di serie come sensori di distanza e retrocamera aiutano nelle manovre. Se si sceglie il pacchetto Safety&Tech, inoltre si può impostare il sistema di parcheggio semiautonomo che, individuato un parcheggio dà le indicazioni sulla marcia da inserire e in autonomia ruota il volante per eseguire la manovra.

Fuori città si comporta bene sia in quanto a consumi che a silenziosità, anche se il 1.0 è meno silenzioso. Buona la frenata, anche a velocità più alte, le curve si affrontano senza difficoltà grazie ad uno sterzo sempre leggero e pronto.

In autostrada pecca un po' di ripresa che richiede marce più basse per essere più scattante, tuttavia è ottimo il supporto dei sistemi di assistenza di serie quali il mantenimento di corsia e i sensori per l'angolo cieco.

Un po' di dati tecnici

Veniamo ai dati dichiarati da Hyundai.

La nuova Bayon arriva a una velocità massima di 183 km/h con un'accelerazione da 0 a 100 in poco meno di 11 secondi.

Il consumo in città è di 9,5 km/litro che arriva a 14,1 km/litro fuori città.

Per la versione 1.0 Hybrid i prezzi partono da 21.470 €, se acquistata con gli incentivi statali disponibili per la fascia di emissioni 61-135 g/km di CO2.

Guarda le disponibilità di Hyundai Bayon

Richiesta informazioni
* campi obbligatori
* Acconsento al trattamento dei dati a norma del Regolamento UE 2016/679. Leggi informativa

Articoli correlati

NEWSLETTER
* Acconsento al trattamento dei dati a norma del Regolamento UE 2016/679. Leggi informativa